Crema base di Beeler

crema base di beeler

Crema base di Beeler

La Crema base di Beeler è un’emulsione olio in acqua (O/A), anionica con una texture cremosa, di colore bianco brillante ed odore caratteristico capace di incorporare vari principi attivi direttamente a freddo.

Base di Beeler (emulsione O/A anionica)

1          Alcol celilico             15%

2          cera bianca              1%

3          glicole propilenico   10%

4          sodio laurilsolfato    2%

5          acqua preservata    qb 100%

La fase oleosa e la fase acquosa vengono fuse separatamente a 65-70°a bagnomaria; si uniscono la fase oleosa a quella acquosa sotto turboemulsore e si lascia raffreddare.

La crema base di Beeler è ideale sia per il viso che per il corpo, ha una buona facilità di stesura, è altamente evanescente ed è senza parabeni.

È una base idratante alla quale possono essere aggiunti olii essenziali o ingredienti attivi come l’idrochinone, acido retinoico.

In virtù delle problematiche riguardanti la stabilità dell’Idrochinone, è quanto mai necessario incorporare alla crema una miscela antiossidante, di solito viene preferita la miscela di sodio metabisolfito 0,1% e di acido ascorbico 0,5%.

E’ necessario evitare il contatto con i metalli che possono innescare la cascata ossidativa. Se ciò proprio non può essere proprio evitato, si consiglia di lavare gli strumenti con Edta disodico 0,1% prima di iniziare.

Etichetta: conservare in frigorifero +2 / +8°C.

Incompatibilità: come altre basi anioniche, è incompatibile a pH <5 (acido salicilico ad alta concentrazione, acido lattico, acido glicolico …), con forti elettroliti (solfato di rame, solfato di zinco, cloridrato di alluminio, ammonio lattato …), con tensioattivi cationici e con principi attivi cationici (neomicina solfato, lidocaina cloridrato, clorexidina digluconato, cloruro benzalconio, sodio cromoglicato …).

A causa del tensioattivo laurilsolfato di sodio, può essere leggermente irritante per le pelli sensibili o reattive.

 

Scopri tutte le nostre Preparazioni Galeniche Magistrali

Condividi questo post