Artiglio del Diavolo

artiglio del diavolo

Artiglio del Diavolo

L’artiglio del diavolo, pianta medicinale nota per le sue proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie utilizzata nel mal di schiena, dolori cervicali, artrite e altro ancora.

Nome Botanico: Harpagophytum procumbens

Sinonimi: Harpago

Nomi Internazionali: (Eng) Devil’s claw; (Fra) Griffe du diable; (Ger) Teufelskralle; (Esp) Garra del diablo.

Etimologia: Dal greco “harpago” (=rampino), e allude ai frutti provvisti di uncini che si agganciano alle zampe degli animali, diffondendone, in tal modo, i semi.

Famiglia: Pedaliaceae

Origini: La pianta che cresce spontanea nel deserto del Kalahari, diffusa nell’Africa Sud-Occidentale, nelle steppe della Namibia e nel Madagascar.

Caratteristiche della Pianta: Pianta erbacea perenne con fusti striscianti che si originario da una spessa radice primaria dalla quale si dipartono radici secondarie tuberiformi. Ha foglie verde-grigio lobate irregolarmente, e fiori tubulari gialli e violetti. I frutti sono tipicamente provvisti di spine (“artigli”) e sono la causa del singolare nome della pianta.

Habitat: Cresce spontaneamente nel deserto del Kalahari, ha preferenza per terreni aridi, poveri di acqua e si adatta bene a climi caldi e anche piuttosto secchi.

Parti usate: Tubercoli, o radici secondarie

Tempo balsamico: agosto, settembre

Profilo fitochimico: I composti attivi più importanti appartengono alla classe dei glucosidi, in particolare: arpagoside; arpagide e procumbide; triterpeni: acido oleanolico, acido ursolico; triterpeni come l’acido oleandolico e l’acido ursolico; acidi organici: acido caffeico, acido cinnamico, acidoclorogenico.

Forme Farmaceutiche: Artiglio del Diavolo radice taglio tisana; Estratto fluido; Estratto glicolico; Estratto secco titolato in Arpagoside 4%; Tintura madre.

Profilo farmacologico: È noto da tempo che estratti totali di Harpagophytum procumbens esercitano attività analgesica periferica, antiflogistica ed antiartritica. Il fitocomplesso di Harpagophytum procumbens è oggi utilizzato nel trattamento sintomatico dell’artrite reumatoide e nell’osteoartrite, nell’artrosi e in altre malattie reumatiche e di interessanti osservazioni sperimentali hanno dimostrato l’attività antinfiammatoria, analgesica ed antireumatica.

Controindicazioni: I preparati a base di Artiglio del diavolo sono controindicati in soggetti con gastrite acuta e/o ulcera peptica.

Avvertenze: Il sapore amaro rende difficile l’assunzione dello sciroppo.  L’assunzione è consigliata a stomaco pieno. E’ sconsigliato l’uso al di sotto dei 2 anni, in gravidanza e nel corso dell’allattamento.

Associazioni: Boswelia, Ananas

Interazioni con Farmaci: Possibili interazioni con gli anticoagulanti (rischio di aumento del tempo di sanguinamento), antiaritmici (beta-bloccanti, digossina), ipotensivi e ipoglicemizzanti orali.

 

Bibliografia: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17212

Condividi questo post