Amamelide

amamelide

Amamelide

Amamelis Virgianana la soluzione per la pesantezza delle gambe.

Nome Botanico: Hamamelis virginiana

Sinonimi: Nocciolo della strega,

Nomi internazionali: (Ing) Witch hazel; (Fra) Noisettierde la sorcière;(Ger) Virginischer zauberstruch;

Etimologia: Dal greco: háma ‘insieme’ e mêlon ‘melo’; cioè ‘che fiorisce contemporaneamente al frutto. Virginiana si riferisce alla sua provenienza.

Famiglia: Hamamelidaceae

Origini: Coste orientali del Nord America e Canada

Caratteristiche della Pianta: Appartiene alla stessa famiglia del nocciolo con il quale ci si può confondere quando la pianta è giovane. Le sue foglie, caduche, hanno un colore giallo ocra. In settembre l’Amamelide produce fiori a quattro petali, con quattro stami e due stili, da cui poi si hanno i frutti. Sono capsule legnose con due logge in cui sono conservati i semi, scuri e lucidi.

Habitat: Cresce preferibilmente in un terreno umido, ben drenato e non calcareo, predilige il sole o in leggera ombra e richiede innaffiature molto moderate.

Parti usate: Foglie e Corteccia

Tempo balsamico: Le foglie di amamelide vanno raccolte durante l’estate oppure all’inizio dell’autunno, prima che assumano un colore bruno-dorato.  La corteccia si raccoglie in settembre-ottobre prima della fioritura, oppure in primavera.

Profilo fitochimico: Tannini in particolare l’amamelitannino, presente al 3% sia nelle fogli che nella corteccia; flavonoidi (quercitina, mircetina); olio essenziale (0,01 – 0,5%); catechine.

Diponibilità in commercio: Erba: corteccia taglio tisana, foglie taglio tisana; Estratto fluido; Estratto glicerico; Estratto secco titolato 15% tannini; Tintura madre.

Profilo farmacologico: L’amamelide in cosmetica è utilizzata per l’attività astringente in creme consigliare per pelli delicate e con couperose e pelli eritematose è inoltre utilizzata nella cellulite. Sempre per uso esterno trova impiego per emorroidi e lesioni minori e dermatiti di tipo allergico.                 Per uso interno viene largamente utilizzata nel settore vascolare per l’azione vasotonica, astringente, anche per il trattamento delle mucose orali.

Controindicazioni: può causare danni alla mucosa gastrica e stipsi con sovradosaggi, sconsigliata anche in chi dimostra ipersensibilità verso uno o più componenti

Interazioni con Farmaci: Non sono note

Bibliografia:

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11302778-hemorrhoids-and-varicose-veins-a-review-of-treatment-options/?from_single_result=Hamamelis+virginiana+vascular

Scopri tutte le piante

 

Condividi questo post